[REQ_ERR: 403] [KTrafficClient] Something is wrong. Enable debug mode to see the reason. Per iniziare a fare le cose bene… fin da subito… – Organic Store

Per iniziare a fare le cose bene… fin da subito…

Il kiwi è uno dei 10 frutti più ricchi di vitaminac… Il suo alto contenuto in fibre gli conferisce proprietà lassative. Mangiando 2 kiwi al giorno per almeno 3-4 giorni l’intestino riprende il suo fisiologico ritmo. Una parte delle fibre viene convertita in acidi grassi a catena corta ad opera del microbiota intestinale. Tra questi acidi quello butirrico serve a nutrire le cellule che rivestono l’intestino (enterociti) e a favorire il rilascio (da parte delle cellule neuroendocrine) di mediatori chimici che ci fanno sentire sazi.

Возможно, это изображение (фрукт)

Chi mi conosce sa che adoro le mandorle. Probabilmente non passa giorno che io non ne mangi un po’… Quante? Più o meno 40-50 grammi. Le mandorle sono ricche di magnesio e di vitaminae e posseggono un ottimo profilo lipidico. Molti temono che la frutta oleosa faccia ingrassare.

Il corpo delle donne. Intervista alla dott.ssa Roberta Martinoli, nutrizionista - Le città delle donne

Ecco la mia grande (anzi immensa) passione… Quali strumenti ho per far star bene le persone? Con una dieta sana riesco a risolvere piccoli e grandi problemi di salute… È con l’alimentazione che riesco a ridurre l’infiammazione sistemica di basso grado scongiurando, ad esempio, il rischio di andare incontro ad un diabete. E sempre attraverso l’alimentazione riesco a modulare l’ambiente intestinale favorendo la proliferazione di quei batteri buoni che tanta importanza hanno nel proteggerci dalle malattie cronico-degenerative.Ma per i casi più difficili ho un altro strumento ancora (e qui vorrei avere una faccina per esprimere tutto il mio entusiasmo… una faccina tipo questa 😁)… È il test del microbiota intestinale per il quale mi affido ad uno dei laboratori più importanti in Italia… Il test, eseguito su un campione di feci, consente di catalogare tutti i batteri costituenti il microbiota. L’analisi si avvale di sequenziatori di nuova generazione. È solo così che posso sapere se alcuni generi batterici sono in eccesso o in difetto rispetto ad un modello di riferimento che rappresenta il microbiota ottimale. E dopo aver analizzato la risposta posso proporre la soluzione che si basa sulla giusta combinazione di probiotici, prebiotici, alimenti…Ogni giorno leggo un articolo scientifico sul microbiota per saperne sempre di più, per scovare le soluzioni pratiche… e tutto questo perché sono convinta che il futuro della medicina è qui!!!